Una settimana al Masters 2017: ecco il nostro pronostico - Golf Blog - GOLF-ING

Follow us:
Vai ai contenuti

Una settimana al Masters 2017: ecco il nostro pronostico

GOLF-ING
Pubblicato da in Majors ·
Tags: Mastersgolfmajor
Meno di una settimana al via e sarà nuovamente Masters, il primo major di golf della stagione ma anche quello che per noi ricopre il ruolo di protagonista assoluto per importanza per via del suo fascino in termini di ambiente, blasone e seguito mediatico.
Come ogni anno vogliamo condividere con tutti i nostri lettori il nostro pronostico per questo appuntamento, frutto di una riflessione che abbraccia tutta la prima parte della stagione golfistica 2017 già giocata fino ad ora.

Considerato i risultati di golf più recenti, dove il suo dominio è stato abbastanza indiscusso, il favorito della gara dovrebbe essere sicuramente Dustin Johnson.
Ma secondo noi non sarà lui il vincitore, ed ecco i perchè:
- la statistica gli gioca contro, Johnson ha vinto tantissimo subito prima del Masters, praticamente è in serie aperta con la doppietta segnata nei due WGC disputati, e questo rende sempre più improbabile che continui a vincere senza interruzioni.
- Johnson è un giocatore fortissimo ma che durante le gare attraversa quasi sempre piccoli momenti di blackout assoluto: se in altri tornei se la cava con 2-3 colpi persi, ad Augusta gli può costare tranquillamente il doppio o triplo, diventando un gap irrecuperabile.
Certo, non stiamo dicendo che non sarà protagonista della gara, con uno stato di forma come il suo la presenza ai vertici e lo spettacolo sono assicurati, ma secondo noi non vincerà lui.
Visto che parliamo di presenza ai vertici e spettacolo, ci aspettiamo la stessa cosa da Phil Mickelson, che è un giocatore da Masters e sta giocando un golf di alto livello in questa prima parte della stagione.
A voler essere onesti, pur ritenendolo in seconda/terza linea nel drappello dei favoriti per la vittoria finale, noi facciamo il tifo per lui perchè riteniamo che meriterebbe questo successo storico che lo porterebbe a 4 giacche verdi.
Veniamo a questo punto al nostro favorito della gara, ovvero Jordan Spieth. E' un giocatore da Masters (anche se lo scorso anno lo aveva quasi in tasca e poi si è perso nelle ultime 9 buche) ed è in crescendo di forma, il buon inizio di stagione ne è testimone.
Su un piano quasi parallelo mettiamo anche Rory McIlroy, alla ricerca dell'unico major che gli manca. La prima parte della stagione è stata meno brillante di quella di Spieth, con qualche contrattempo in più, ma l'impressione è che ci sia il potenziale giusto per provarci quest'anno.
Purtroppo abbiamo dovuto depennare dalla lista dei papabili vincitori un giocatore che per noi è perfetto per questo torneo, ovvero Jason Day, ma le condizioni non eccellenti di forma di gioco unitamente ai pensieri esterni al campo golfistico e relativi all'ambito personale, non lo mettono in posizione di essere un favorito.
Rimanendo in australia, l'altro "big" Adam Scott ci sembra un pò sparito nel nulla ultimamente, ci sembra improbabile possa essere della partita che conta.
Si potrebbe pensare di fare un salto in spagna....effettivamente Jon Rahm, la matricola terribile che sta facendo ottime cose in questi mesi ci sembra abbia delle caratteristiche che si addicono molto a questo torneo. Magari una vittoria potrebbe essere prematura, ma ci aspettiamo di trovarlo in alta quota in classifica.
Anche Sergio Garcia sta attraversando un buon momento di forma, pur non essendo secondo noi un giocatore da masters, magari lo vedremo comunque tra i protagonisti.
Spostandoci sulla squadra americana, oltre ai già citati Spieth, Mickelson e Johnson, non vediamo molti altri papabili al trono.
Justin Thomas è in buona forma ma non ci sembra abbia ancora la personalità per un torneo di questo livello.
Bubba Watson è si giocatore da Masters, ma non sembra in un periodo eccellente di forma.
Patrick Redd in questa fase dell'anno ci sembra che abbia la mentalità giusta ma manchi qualcosa nel gioco.
Attenzione invece a Brooks Koepka, non viene da un periodo particolarmente florido, ma secondo noi è in crescendo ed è assolutamente giocatore da Masters.
Per il resto non ci sembra che altri personaggi del calibro di Bill Haas, Steve Stricker, Zach Johnson, Matt Kuchar, Brandt Snedeker ecc. possano essere davvero della partita.....qualche credito in più lo diamo a Rickie Fowler, non come vincente ma come buon piazzato.
Su Tiger Woods capitolo da scrivere: sembra che sia al via, sicuramente i riflettori saranno anche su di lui ma non sappiamo bene cosa aspettarci in termini di gioco. Speriamo che almeno porti a termine la gara qualunque sia il risultato, senza ritirarsi come ultimamente spesso accade.
Dando un'occhiata in casa inglese,a dispetto dell'elevato numero di partecipanti non ci sembra ci sia niente di veramente interessante salvo Fleetwood che sta facendo una bellissima prima parte di stagione, mentre il campione in carica Danny Willett non ci sembra nella stessa condizione dello scorso anno.
Ci aspettiamo poche sorprese anche dai giocatori del Sud Africa; i nomi sono sempre quelli ma non ci sembra siano in grandi condizioni di forma.
In casa Svezia ci sarebbe qualche speranza per il duo Stenson - Noren: se Stenson ha le potenzialità da major ma non ci sembra il Masters la sua gara, Noren è in un ottimo momento di forma....ma non sembra avere quel qualcosa per portare a casa un major.
Occhi più aperti inevece sulla compagine del Giappone: Matsuyama viene da un picco di grande forma di fine 2016, potrebbe essere un giocatore da alta classifica, mentre Tanihara, che ha sorpreso in positivo nell'ultimo WGC in match play, è atteso alla prova del nove in cerca di una conferma che il buon risultato ottenuto non sia stato un caso.

E finalmente capitolo Italia: quest'anno abbiamo nuovamente Francesco Molinari al via, non lo vediamo tra i favoriti ma ci auguriamo che il nostro portabandiera possa fare una prestazione positiva a testimonianza dei buoni risultati che anche i nostri altri giocatori stanno ottenendo in questa prima parte di stagione e che ci fanno pensare a un 2017 con l'italia golfistica nuovamente protagonista come avevamo già pronosticato a fine 2016.

QUINDI, RIASSUMENDO I NOSTRI FAVORITI:

Favorito: Spieth
Prima Fila:McIlroy
Seconda Fila: Rahm; Mickelson; D.Johnson;
Terza Fila: Fowler; Thomas; Garcia; Day; Matsuyama

Outsider: Koepka; Fleetwood; Redd; Watson; Stenson




Nessun commento


Articoli per mese
Facebook
Copyright©2010-2017 Golf-ing.it
- All rights reserved -
Follow us:
Torna ai contenuti