PGA Championship: è il momento del quarto major - Golf Blog - GOLF-ING

Follow us:
Vai ai contenuti

PGA Championship: è il momento del quarto major

GOLF-ING
Pubblicato da in Majors ·
Tags: PGAChampionshipMajorgolf
Siamo arrivati alla settimana del PGA Championship: da giovedì a domenica prossimi si assegnerà l'ultimo major del 2015 e la lista dei pretendenti, tra chi vuole coronare una stagione già ottima e chi vuole "salvarla" con questa ultima chance, è piuttosto nutrita.
Diciamo subito che Golf-Ing.it ha in mente un nome su tutti, che sicuramente è lo stesso in cima alla lista di tutti i pronostici della vigilia.
Stiamo parlando di Jordan Spieth, il campione statunitense che dopo la doppietta Masters - US Open è andato a un passo dal conquistare anche l'Open Championship, e secondo noi è in una condizione di forma di gioco e mentale che lo pone un gradino sopra tutti gli altri.
Considerato che nel golf la rosa dei possibili vincitori alla viglilia di un torneo non può essere ristretta a solo 1 nome, completiamo la nostra lista dei papabili con un'altro paio di americani in ottima forma, Dustin Johnson e Bubba Watson, con l'emergente Brooks Koepka, e con Jason Day, altro giocatore che ha già annusato la vittoria in un major da vicino più volte e che stavolta potrebbe finalmente agguantarla.
Tra gli europei inseriremmo nella lista lo svedese Stenson, che ci sembra si sia avvicinato a questo appuntamento in maniera silenziosa e concreta.
Stanno giocando bene anche Rose, Furik,Garcia e Adam Scott ma non ci sembra abbiano quel qualcosa in più da essere vincenti. 
Non ci convince più di tanto anche il ritorno alle gare di McIlroy, che dopo il periodo di assenza per infortunio, pensiamo non sia in "temperatura" per essere competitivo già da subito, soprattutto in un torneo di questa portata, anche se dobbiamo ricordarci che è il defending champion.
Discorso analogo per Shane Lowry, giocatore che ha trionfato un paio di giorni fa nel Bridgestone Invitational e che ci sembra possa essere già appagato da questo importante successo.
Per quello che riguarda i nostri portacolori, vedremo al via solo Francesco Molinari che ha condotto una stagione molto regolare e con alcuni piazzamenti eccellenti è riuscito a rientrare nei top 50 al mondo. Da Francesco ci aspettiamo una buona prestazione che potrebbe concretizzarsi al meglio con un piazzamento in top 10.

Parlando di giocatori italiani ne approfittiamo anche per fare il punto sulla loro stagione e le prospettive per i prossimi mesi.
Con il completamento del quarto major infatti la stagione 2015 andrà incontro alla fase conclusiva con gli ultimi tornei e la definizione finale della money list e assegnazione carte di gioco 2016.
Di Francesco Molinari abbiamo parlato e immaginiamo che affronterà un 2016 in continuità con questo anno appena giocato, ovvero incentrato sul PGA Tour negli Stati Uniti e con una partecipazione limitata ai soli tornei principali dell'European Tour.
Dietro a Francesco si è creto un pò di vuoto, perchè non è che la stagione 2015 abbia portata alla luce fantastiche prestazioni dei nostri giocatori.
Paratore, il nostro esordiente sul tour maggiore, è l'unico che ha fatto una stagione abbastanza in linea con le aspettative ed è molto vicino al raggiungere la sicurezza di piazzamento in money list per confermare la carta di gioco anche per il 2016; gli basterà qualche altro piazzamento di media classifica da qui a ottobre per entrare nei primi 110 dell'ordine di merito finale.
Un altro giocatore che vedremo sicuramente sul tour anche nel 2016 è Manassero, che nonostante questo periodo di scarsa forma e risultati deludenti, gode comunque di una carta "pluriennale" derivante dal successo all' European PGA Championship di due anni fa.
Per tutti gli altri 4 azzurri che erano presenti sul tour a inizio 2015, Crespi, Edoardo Molinari, Tadini e Pavan, a meno di qualche grande prestazione negli ultimi tornei rimasti, si prospetta la lotteria della qualifiyng school se vorranno rimanere sul tour maggiore anche nel 2016. 
Pochi sorrisi in arrivo anche dal Challenge Tour, il tour minore dell'European Tour, dove i giocatori italiani impegnati non stanno raccogliendo gran che di risultati e difficilmente riusciranno a ottenere dei piazzamenti nel ranking finale in grado di portare alla "promozione" sul tour maggiore. L'unico ad avere qualche lontana possibilità potrebbe essere Gagli, mentre tutti gli altri navigano in bassa classifica e avranno il loro bel da fare per evitare di perdere la carta anche per il Challenge Tour 2016.
Se non altro qualche sorriso arriva invece dall'Alps Tour, il circuito minore europeo, dove alcuni nostri portacolori si sono distinti nel corso della stagione con successi (Di Nitto, Maestroni, Perrino, Maccario) e piazzamenti importanti che potrebbero portare alla conquista di una delle 5 promozioni per il Challenge Tour.

Vedremo cosa succederà nei prossimi 2 mesi....intanto accomodiamoci in poltrona e godiamoci il PGA Championship!

[image:image-1]










Nessun commento


Articoli per mese
Facebook
Copyright©2010-2017 Golf-ing.it
- All rights reserved -
Follow us:
Torna ai contenuti