Golf Club Antognolla - GOLF-ING

Follow us:
Vai ai contenuti

Choose your language:

Golf Club Antognolla

Sito ufficiale: www.antognollagolf.com/
Numero buche: 18
Raggiungibilità:
Abbastanza buona. Il circolo si trova nell’entroterra umbro ed è raggiungibile dall’uscita di Mantignana sulla superstrada Siena-Perugia (alle porte di Perugia) o dall’uscita di Pierantonio sulla superstrada E45. In entrambi i casi bisogna percorrere alcuni chilometri di strada provinciale in mezzo all’appennino umbro. La svolta per il circolo è in prossimità della località San Giovanni del Pantano
Parcheggi: E’ presente un ampio piazzale a un centinaio di metri dalla club house.
Club House: E’ ricavata all’interno di un casale tipico, che forma una sorta di piccolo "borgo" con l’edificio dove sorge la segreteria e con un ulteriore edificio  dove sono posizionati gli spogliatoi.
All’interno della club house è attivo anche un ristorante che serve piatti tipici della cucina umbra.

Spogliatoi: Si trovano all’interno di un piccolo casale a pochi passi dal corpo centrale. Realizzati in perfetto stile rustico, con soffitto in travi di legno, sono un ambiente abbastanza accogliente pur nell'essenzialità dell'arredo proposto.
Area Pratica: Si trova vicino alla club house ma distante dal tee di partenza della buca 1, dunque vanno calcolati circa 5 minuti di camminata per raggiungere la prima buca.  Si compone di un putting green di prova abbastanza grande, posto tra la club house e gli spogliatoi, e da un driving range che è posizionato a poca distanza, al di la dell’edificio della segreteria.
Ci sono sia postazioni scoperte che al coperto. Va detto che l’area è in generale un po’ sacrificata in termini di numero di postazioni e di area di tiro. Si pratica prevalentemente dai tappetini.

Il Percorso Golf: Il percorso è una vera e propria scoperta: dalla club house, per raggiungere la buca 1, si passa in un sottopassaggio e poi bisogna risalire per un centinaio di metri ma quando si raggiunge il primo battitore si apre la vista su uno spettacolare paesaggio dove si sviluppa tutto il tracciato. Decisamente un panorama che per tutte le 18 buche accompagna il giocatore, con la possibilità di scattare numerose bellissime foto da varie angolature e con molteplici panorami. Il tutto è arricchito dalla presenza di un bellissimo castello medioevale che sovrasta tutta la vallata dove si sviluppa il campo e che arricchisce il già ricco paesaggio. Consigliata foto ricordo soprattutto dai tee della buca 8 e della buca 17.

Il concetto di "location" è sicruamente il grande pregio e unicità di questo percorso, che ha saputo valorizzare al meglio la vallata seminascosta che accompagna il bel castello medioevale che troneggia sopra la collina: pochissimi (meno di 5....) i campi che abbiamo visitato che possano vantare un ambiente favorevole come questo, che è indiscutibilmente l'ingrediente raro e indispensabile che permette a un bel campo da golf di elevarsi a luogo meraviglioso.
Veniamo al percorso. Il disegno delle buche è molto vario, con una serie di buche  che si sviluppano in salita e altre in leggera discesa. Nell’arco delle 18 buche si percorre un notevole dislivello (anche se non si può dire che questo sia un vero e proprio campo di montagna) per cui si arriva alle ultime buche dove si accusa la fatica se non si ha una preparazione atletica decente. L’utilizzo del cart o di un carrello elettrico può aiutare molto a risparmiare preziose energie.
E’ un tracciato che si presenta abbastanza aperto, dunque lascia giocare anche se qualche colpo parte un po’ "fuori controllo", e questo è sicuramente un fattore che rende divertente la giornata. Per contro, in alcune situazioni ci si trova a giocare la palla da posizioni un pò "storte", per cui questo è un elemento di difficoltà aggiuntivo per chi non è abituato al gioco in pendenza. Il fatto di tirare la palla molto lunga agevola sicuramente il giocatore, perchè con un lungo tee shot generalmente si hanno dei colpi da distanza molto abbordabile al green, anche se in valore assoluto non si tratta di un campo particolarmente lungo.
I green sono abbastanza grandi e con pendenze accentuate. Solitamente non vengono tenuti particolarmente scorrevoli e questo facilita sicuramente il gioco…se venissero tagliati veloci in stile European Tour diventerebbero temibilissimi .
Come manutenzione solitamente le condizioni sono buone. Nel periodo invernale il campo tende a diventare molto fangoso per cui la giocabilità sui 12 mesi è condizionata dal livello delle precipitazioni delle settimane precedenti.

Data ultima visita:  Giugno 2015


Questa recensione è stata utile?
Voto: 0.0/5

Condividi la tua esperienza su questo campo:


Nessun commento
Copyright©2010-2017 Golf-ing.it
- All rights reserved -
Follow us:
Torna ai contenuti