Golf Club Faenza - GOLF-ING

Follow us:
Vai ai contenuti

Choose your language:

Golf Club Faenza
 
Sito ufficiale: www.faenzagolf.com
Numero buche: 9
Raggiungibilità: Abbastanza buona. Il circolo è posizionato ai margini della città di Faenza, sostanzialmente nella zona dove si sviluppano le strutture sportive della città (campi da calcio, pista di atletica, ecc.) a pochi chilometri dal centro urbano.
Può essere facilmente raggiunto dalla strada statale Via Emilia, tramite un paio di svolte che portano alla stradina secondaria dove si trova il circolo, e non è distante neanche dall’ uscita autostradale di Faenza dell’autostrada A14 adriatica, che grossomodo è a circa 5 km di distanza attraverso la periferia di Faenza.
Nei pressi del circolo ci sono anche un serie di segnaletiche stradali, tuttavia sarà sufficiente controllarne velocemente la posizione sulla cartina prima di andarci per memorizzare il percorso da seguire.
Parcheggi: Sono composti da un piazzale sterrato che si trova di fronte all’entrata del circolo: non è un’area immensa, però è adeguata alla frequentazione del circolo e si trova posto tranquillamente.
Club House: Posizionata immediatamente all’interno della recinzione che delimita l’area del circolo, è costituita da un cottage in legno di recente realizzazione dentro il quale si trovano il bar-locale ristorazione e gli spogliatoi. Molto piacevole l’area vetrata con patio esterno che si trova a pochi metri dal green della buca 9, e da cui è possibile assistere alle fasi conclusive di gioco dei giocatori in azione sul percorso.
La struttura si completa con un secondo edificio in legno a pochi metri dal primo, più datato e spartano rispetto alla clubhouse, dove si trovano la segreteria del circolo e la sala sacche.
In generale si può definire come un ambiente semplice che tutto sommato offre l’essenziale per una completa vita di circolo e il relax dei soci.
Spogliatoi: Posizionati all’interno della clubhouse, offrono un ambiente di medio piccole dimensioni come zona “cambio” mentre le 3 docce disponibili sono piuttosto confortevoli. Da verificare la disponibilità dei teli doccia, che devono essere richiesti al bar.
Area Pratica: E’ composta da due punti nevralgici: il putting green di prova è il primo che si incontra, poiché è posizionato proprio di fronte all’entrata del circolo e si trova tra la clubhouse e la segreteria. Si tratta di un green di medio piccole dimensioni, senza particolari pendenze, ben rappresentativo di quanto si trova poi in campo.
Per raggiungere il secondo punto di interesse, ovverosia il driving range, bisogna percorrere una trentina di metri, attraversando il battitore della buca 1. Si presenta con una serie di postazioni all’aperto e alcune anche coperte da una tettoia di legno. Si pratica prevalentemente dal tappetino e su un’area di tiro un po’ sacrificata, delimitata sulla destra da alberi (confine con la buca 1) e sulla sinistra da una recinzione (confine con la buca 2). Utile allo scopo del riscaldamento fisico e della cura della tecnica, ma non particolarmente significativo per altri riferimenti. Come detto, il battitore della buca 1 è proprio a fianco, per cui il trasferimento è minimo.
Il Percorso Golf: A giudicare dalla buca 1 e dalla buca 9, che sono le parti del percorso visibili all’arrivo al circolo, potrebbe sembrare un percorso stretto e in mezzo agli alberi e alla vegetazione di altro fusto. In realtà non è così, perché le buche rimanenti si sviluppano su un terreno molto aperto e caratterizzato per lo più da laghetti in prossimità dei green e delimitazioni dei limiti del percorso costituite da paletti bianchi interposti tra alcuni fairway.
In questa ottica diciamo che la precisione di tiro va mantenuta, perché i colpi totalmente fuori controllo vengono puniti dalle penalità degli ostacoli, tuttavia è un tracciato che lascia giocare e offre anche ampie aree di “recupero” una volta che si conosce il percorso.
La buca 1 è a tutti gli effetti la buca più “stretta”, delimitata da alberi a destra e sinistra, mentre la buca 9 è altresì delimitata da alberi ma si tratta di un par 3 abbastanza corto, per cui le percentuali di errore di traiettoria si riducono.
Una delle principali difficoltà e chiavi di successo è sicuramente il trovare la confidenza ottimale con gli approcci da bordo green e il put: le piccole dimensioni dei green li rendono un difficile obiettivo da centrare da lontano, ma non essendo poi particolarmente difficili in termini di pendenze e distanze, è fondamentale non perdere colpi in questa fase di gioco. Gli approcci da bordo green devono dunque essere precisissimi (magari anche andare in buca direttamente….), per evitare di impiegare più di un colpo con il successivo put.
Il tracciato è assolutamente pianeggiante, le buche non sono particolarmente lunghe (ad eccezione della buca 3) e i trasferimenti da una buca all’altra sono brevi: in questa ottica è un percorso che si può affrontare a piedi nel massimo del relax. A conferma di ciò la presenza dei cart è praticamente azzerata.
Tutto sommato una esperienza di gioco e allenamento piacevole, pur senza offrire particolari spunti panoramici o di eccellenza, per cui se capiteremo nuovamente dalle parti di Faenza lo visiteremo volentieri di nuovo. 
Data ultima visita: Novembre 2014

Questa recensione è stata utile?
Voto: 0.0/5

Condividi la tua esperienza su questo campo:


Nessun commento
Copyright©2010-2017 Golf-ing.it
- All rights reserved -
Follow us:
Torna ai contenuti